Vai al contenuto
Homepage » Blog » Bellezza » Botox sulla fronte: cosa comporta il trattamento e quali sono i risultati?

Botox sulla fronte: cosa comporta il trattamento e quali sono i risultati?

Botox sulla fronte

Cos’è il trattamento botox?

Il trattamento botox, noto anche come iniezione di tossina botulinica di tipo A, è un processo che utilizza una forma purificata di neurotossina botulinica per alterare temporaneamente l’aspetto delle rughe e delle linee del viso sul viso. La neurotossina agisce bloccando gli impulsi nervosi ai muscoli iniettati, che inibisce la loro attività.

Dove può essere usato il Botox?

  • parte superiore del viso, cioè: ruga del leone, fronte, zampe di gallina
  • sotto gli occhi
  • muscolo circolare dell’occhio, palpebra superiore per “ingrandire” l’occhio
  • rughe di coniglio sul lato del naso
  • angoli della bocca, per sollevare
  • muscolo del mento
  • il labbro superiore, le cosiddette rughe del fumatore, può causare difficoltà a bere attraverso una cannuccia o fischiare
  • rughe sulla palpebra inferiore dell’occhio
  • rughe sul collo
  • per sollevare la palpebra cadente

Botox sulla fronte quando gli effetti

Si tratta di un trattamento ad hoc e gli effetti sono immediati.

Botox per la fronte - trattamento

Quanto durano gli effetti del Botox?

L’effetto del Botox dura da 4 a 6 mesi, a seconda della dose utilizzata e dell’attività sotto l’influenza del Botox. Dopo questo tempo, la pelle inizierà a perdere di nuovo la sua fermezza ed elasticità e gli effetti del Botox cesseranno di farsi sentire.

La durata degli effetti può anche essere influenzata dalla quantità di Botox somministrato. Nel caso di iniezione di una quantità molto piccola del preparato, ad es. 0,1 ml o 1 unità per area per sessione, gli effetti sono solitamente sottili. Se inietta più del preparato, ad es. 1 ml o 10 unità per area per sessione, i risultati sono più visibili e possono durare più a lungo.

Possiamo anche sostenere l’azione del Botox utilizzando integratori alimentari che aiutano a inibire i segni dell’invecchiamento cutaneo, idratare il corpo dall’interno e fornirgli nutrienti essenziali. Esempi di integratori:

Cosa succede dopo che il Botox non è autorizzato a fare?

Dopo botox, non è consentito:

  • Non strofinare la fronte o massaggiare
  • Non applicare il trucco
  • Non usare creme
  • Non praticare attività fisica
  • Evitare l’esposizione alla luce solare o al solarium.
  • Evitare temperature estreme (calde o fredde).
  • Evitare la sudorazione eccessiva e non rimanere in luoghi umidi

Botox effetti collaterali sulla fronte

Effetti collaterali che possono verificarsi dopo l’iniezione di botox:

  • Arrossamento, gonfiore o lividi nel sito di iniezione
  • Dolore e intorpidimento del viso nella zona della fronte
  • Palpebre cadenti
  • Nausea
  • Mal di testa

Botox per la fronte – controindicazioni

  • gravidanza e allattamento
  • malattie del sistema cardiovascolare
  • allergia all’albumina umana
  • malattie autoimmuni croniche
  • assunzione di analgesici, antipiretici
  • assunzione di antibiotici aminoglicosidi
  • malattie della placca muscolo-scheletrica
  • assunzione di farmaci che regolano la frequenza cardiaca
  • Malattie del sistema nervoso

Quanto costa il Botox in fronte?

Il prezzo della procedura è molto vario e dipende dalla qualità dei servizi forniti e dall’esperienza degli specialisti che eseguono questa procedura. Ricorda, tuttavia, che quando si tratta di salute, il prezzo non dovrebbe essere determinante. Ti suggeriamo di fare una revisione approfondita degli uffici di medicina estetica e, in base alle informazioni raccolte, scegliere il luogo della procedura.

Ptosi – Fronte pesante dopo Botox

Le iniezioni di tossina botulinica, nota anche come Botox, possono causare sopracciglia o palpebre a cadere. La neurotossina può causare una sensazione di pesantezza e incapacità di muovere i muscoli in quest’area. Si stima che solo il 5% dei pazienti soffra di questa condizione, ma il numero di casi gravi sembra aumentare con l’aumento della domanda di tossina botulinica e l’ondata di offerte economiche per i pazienti.